Back to All Events

La luce delle stelle

53297066_277068196543551_4886748325497274368_n.jpg
53676910_296651474337460_2766460973056262144_n.jpg

Porticato Micrò - (Chiesa di Santa Maria alla fonte)

Venerdì 12 Aprile dalle 21.00 alle 24.00

Da sempre la luce riveste un vivo interesse nell’ambito della filosofia naturale e della ricerca scientifica. In epoca moderna, la scienza si interroga sulla natura stessa della luce: cos’è la luce? E come è composta? Due differenti scuole di pensiero invadono il panorama scientifico proponendo diverse visioni circa la composizione della luce: la teoria corpuscolare e la teoria ondulatoria. Nell’opera “Opticks” Sir Isac Newton, tra i più influenti scienziati di tutti i tempi, si fa portavoce della teoria corpuscolare, formulando l’ipotesi che la luce sia composta da particelle molto leggere. La presentazione iniziale del suo lavoro alla Royal Society stimola un'aspra disputa tra Newton e Robert Hooke, che invece supporta l’avversa teoria ondulatoria, secondo la quale la luce sarebbe a tutti gli effetti un’onda che si propaga nell’etere. Sarà sempre la luce, la “protagonista” di un’altra teoria che, nel 1905, contribuisce allo sconvolgimento della visione classica della fisica moderna: la Teoria della Relatività ideata dalla mente geniale di Albert Einstein. Al giorno d’oggi, lungi dall’aver risposto a tutti i dubbi sulla sua natura, la luce rimane elemento chiave della ricerca scientifica ed astronomica contemporanea. È la luce che ci regala lo spettacolo mozzafiato del cielo stellato, immortalabile in stupende fotografie astronomiche. La luce che vediamo è l’esito di una propagazione energetica

avvenuta in un lontano passato. Osservare attraverso le pieghe del tempo la luce di ciò che fisicamente non esiste più. L’assenza come essenza dell’esistenza, un’allegoria della condizione Umana rispetto all’immensità dell’Universo.

Porticato Micrò - (Chiesa di Santa Maria alla fonte)

Friday 12th April, from 9 pm to 12 pm

A point to observe the star and find them in a closer way with Gruppo Astrofili Groane, which proposes a day of didactic in-depth analysis, sharing the equipment to observe the sky in the Milanese nights.

Light has always represented an important interest in natural philosophy and scientific research. In modern times, science asks the questions about the real nature of the light: what is the light? What makes up the light? Two different schools of thought propose two different visions about the light composition: the corpuscular theory and the wave theory. In the opera “Opticks", Isaac Newton, one of the most important scientists of all times, is the spokesperson of the corpuscular theory, saying that the light is composed of very light particles. His work opening presentation at the Royal Society creates a discussion between Newton and Robert Hooke, who supported the wave theory, which says that the light is a wave that spreads in the air. The light is still the protagonist in the 1905 Theory of Relativity by Albert Einstein; it is considered the classical vision disruption of modern physic. Nowadays, the light is still the key to contemporary scientific and astronomical research. The light donates us the extraordinary starry sky, captured in beautiful astronomical photos. The light that we see is the result of an energetic propagation, which happened in a very distant past.

The absence as the essence of the existence, an allegory of the human condition in relation to the vastness of Universe.

Per ulteriori informazioni:

info@gruppoastrofiligroane.org

Earlier Event: April 12
Progettare la luce
Later Event: April 14
+SenSìBILI